Deficit della percezione temporale

Riporto un articolo dal Portale Autismo, che mi offre lo spunto per suggerire alcuni strumenti di ausilio nell’educazione dei nostri figli.

“La percezione alterata del tempo è stata storicamente considerata come una caratteristica, un segno distintivo del disturbo da deficit di attenzione e iperattività. Recenti studi suggeriscono che il deficit di elaborazione temporale può essere anche una caratteristica del disturbo dello spettro autistico (ASD). Tuttavia, vi sono attualmente poche informazioni circa i fattori che influenzano l’elaborazione temporale nei bambini con ASD.

Lo scopo di questo studio1 è di valutare gli effetti dei problemi di attenzione, memoria di lavoro (WM), età, e le loro interazioni, sulla riproduzione tempo in ragazzi con e senza ASD. I ricercatori hanno chiesto a 27 ragazzi con ASD ad alto funzionamento e 25 coetanei con sviluppo tipico (età 9-17; 85% maschi), tutti dai 9 ai 17 anni di età, di misurare per quanto tempo una lampadina restava accesa. Ogni partecipante era seduto di fronte a due lampadine, dopo aver visto una lampadina accendersi per 4, 8, 12, 16, o 20 secondi doveva premere un tasto del computer per fare accendere la seconda lampadina per la stessa quantità di tempo. Il deficit di attenzione è una caratteristica comune nell’autismo e può influenzare la percezione del tempo, i ricercatori hanno così chiesto ai genitori di compilare un questionario inerente al livello di disattenzione e iperattività del loro bambino. Inoltre hanno misurato la memoria a breve termine e di lavoro di ciascun partecipante, utilizzando un test standard per quoziente di intelligenza.

Tutti i partecipanti tendevano a sottostimare i tempi più lunghi e a sovrastimare quelli brevi, tali effetti sono apparsi più pronunciati nei ragazzi più giovani o in quelli con basse prestazioni nella WM. I sintomi di disattenzione / iperattività nel gruppo ASD non riguardavano né l’accuratezza né la coerenza.

Hanno scoperto che i bambini che hanno una scarsa memoria di lavoro sono meno in grado di ricreare costantemente intervalli di tempo, e questa associazione è più evidente nei bambini con autismo. Tuttavia, il deficit di attenzione non sembra influire sulle prestazioni sul compito.

Questo studio mette in evidenza il potenziale valore della percezione temporale come un rilevante tratto comune per molteplici disturbi dello sviluppo neurologico. I loro risultati concordano con i risultati provenienti da diverse ricerche precedenti, tra cui uno studio del 2010 che ha trovato come le persone con autismo sono meno accurate, rispetto ai coetanei, a valutare la lunghezza di un periodo.

Questa tendenza può essere significativa al di là della percezione di che giorno è, può riguardare la capacità stessa di distinguere il giorno dalla notte. Alcuni spunti di futuri studi a favore della ricerca dei “geni orologio” nell’autismo, che regolano il sonno, la memoria, ad esempio, le mutazioni in due geni circadiani, NPAS2 e PER1, sono stati collegati all’autismo. Coerentemente con questo, i bambini con autismo hanno spesso difficoltà con il sonno.”

Coerentemente con tali risultati scientifici, per aiutare i nostri ragazzi facciamo così: sullo smartphone utilizziamo l’app di Google Calendar calendar.png(https://calendar.google.com/calendar/r) ove avremo la possibilità di inserire tutti gli impegni quotidiani cadenzati da opportuni trilli promemoria in modo da abituare i nostri ragazzi a tenere conto del passare del tempo e a svolgere le loro attività in autonomia.

Un’altra app, per i più piccoli, che agisce da creatore di task analysis² con rappresentazioni grafiche delle operazioni abituali (autonomie personali) come: lavarsi le mani, preparare uno spuntino, fare una doccia, ecc. Grazie ad Angsa, la potete scaricare angsa taskabile.pngqui: http://angsa.it/2017/10/21/taskabile/

 Grazie alle applicazioni pratiche delle scienze cognitivo-comportamentali e agli strumenti didattici più moderni, riusciamo ad avere strumenti sempre più utili ed efficaci nell’educazione dei nostri ragazzi speciali. Speriamo che la scuola si adegui presto!

 

1https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25078724

²procedura che scompone abilità complesse in sotto-abilità più semplici, da insegnare una alla volta diminuendo i prompt gradualmente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...